//
you're reading...
Uncategorized

LA PAURA DI VINCERE

Che cos’è che “blocca” psicologicamente un venditore quando deve affrontare un cliente o che cosa “blocca” una persona che deve parlare in pubblico?
E che cos’è che impedisce alla persona che ormai ha in mano la vittoria di fare l’ultimo passo per conquistarla?
La risposta è analoga: la paura di perdere non è tanto differente dalla paura di vincere.
Ambedue fanno riferimento alla fiducia in se stessi.
Se partiamo già pensando che il cliente non passerà l’ordine o che non saremo capaci di essere all’altezza del nostro nuovo status di “campione”, noi trasmetteremo questo nostro “stato d’animo”con le parole, con il tono della voce, con il linguaggio del corpo…e le persone intorno a noi percepiranno ciò in modo “forte e chiaro” e reagiranno di conseguenza mettendosi sulla “difensiva”.
È a quel momento che si intaura il ciclo vizioso che potrà portere al fallimento.
È necessario quindi che che la persona sia in sintonia con se stessa, che abbia fiducia nelle proprie capacità, sappia chiaramente che cosa vuole e ci creda.
Il sapere che cosa si vuole, la definizione  degli obiettivi è il punto chiave per superare la paura di vincere.
Sappiamo tutti che quello che più ci motiva e ci stimola è il cammino che facciamo per raggiungere la meta desiderata.
Una volta raggiunto il traguardo ci guardiamo intorno e proviamo una sensazione di “vuoto” e l’unica consapevolezza è quella di doverci assumere le nostre nuove responsabilità.
Questa situazione può essere “paralizzante” se in più viene “contaminata” da pensieri negativi quali: “…non sono all’altezza di farcela…”, “…ci sono riuscito ma non credo sia tutto merito mio…”,  “…che cosa potrà pensare la gente…”, “… il rischio di fallire è troppo grande…” .
Ma se noi ci poniamo altri nuovi obiettivi a medio o lungo termine, obiettivi ambiziosi nei quali crediamo e che ci motivano, ci stimolano, allora rimetteremo in moto un ciclo virtuoso che non potrà che portarci al successo.
E se consideriamo il nuovo obiettivo “troppo grande” niente vieta di porci delle tappe intermedie, degli obiettivi più semplici e a breve termine che ci permetteranno, man mano che li raggiungeremo, di confermare la fiducia in noi stessi e mantenere alta la motivazione..
La paura? Lasciamo che venga, un po’ di adrenalina non potrà che farci del bene.

Gianluca Maria Regis

Annunci

Informazioni su gianlucamariaregis

Coach

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

GIANLUCA MARIA REGIS

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: