//
you're reading...
Uncategorized

TRA DIRE E IL FARE

SERRATURAAgire sembra essere diventato sempre più difficile: molto spesso l’azione, rimane infatti nei “buoni propositi”, nelle strategie, nei progetti e non viene messa in pratica.
Perchè stiamo diventando sempre più timorosi nel passare all’azione ?
Innanzitutto perchè aspettiamo che la situazione sia la più propizia possibile per agire sperando che l’effetto della nostra azione sia durevole e si eviti l’insuccesso.
“Tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare” recita il proverbio.
Ma che cos’è questo mare, troppo spesso in burrasca, che si frappone tra la nostra volontà di agire e l’azione?
Questo mare siamo noi, noi prigionieri delle nostre credenze, dei nostri condizionamenti, delle nostre superstizioni, dei nostri bisogni insoddisfatti…accumulati nel corso della nostra esistenza.
Durante le sedute di coaching sono solito paragonare questa situazione ad una grotta dentro la quale si trovano i nostri valori e i nostri punti forti.
La grotta è chiusa da una grossa porta di ferro con la serratura arrugginita che la chiave, che possediamo, ha enormi difficoltà ad aprire.
Ma il problema ancora più importante è che, se anche riuscissimo a far girare la chiave nella serratura, non riusciremmo comunque ad aprire la porta perchè bloccata da masserizzie simbolo di tutto quello che abbiamo vissuto e che poi, senza curarcene, abbiamo abbandonato anzichè sfruttato.
Utilizzare le esperienze, siano esse positive o negative, di gioia o di dolore, per trasformarle in nuove certezze, in nuovi riferimenti che rendano agevole l’apertura della porta e ci permettano una traversata piacevole di questo “mare”.
I valori, quelli in cui crediamo, ci daranno la motivazione per raggiungere l’obiettivo desiderato; il riconoscimento dei nostri punti forti, dei nostri talenti ci darà la sicurezza e la fiducia in noi stessi; le credenze positive, che sapremo utilizzare, ci daranno “il permesso” di agire.
Solo vivendo per quello che siamo, non per quello che gli altri ci impongono di mostrare, potremo accedere facilmente all’interno della “grotta” e il “mare” non sarà più un ostacolo o una scusa per non agire.

Annunci

Informazioni su gianlucamariaregis

Coach

Discussione

2 pensieri su “TRA DIRE E IL FARE

  1. il “fare” in una Società, non dipende da una sola persona, ma da un insieme di volontà comuni. vedo spesso società dove il vertice vuole fare/agire, ma non c’è coinvolgimento con i collaboratori che dicono / pensano :” intanto l’azienda va bene !”
    dunque “che fare ”
    (lenin)

    Pubblicato da pier | gennaio 24, 2013, 5:51 pm
  2. ….Gianluca hai ragione, tra il dire e il fare c’è davvero tutto quello che racconti! Però esiste la “magia” ..incontrare te che con poche (ma mirate) sessioni di coaching hai smosso tutto quanto e …sotto la ruggine sono ricomparsi come per incanto e con chiarezza i miei punti forti, i talenti e la fiducia in me stessa dandomi “il permesso” di aprirmi a ciò che veramente desideravo essere…e così il lavoro è arrivato, perfetto per me, per mettere in luce tutte le sfaccettature della mia personalità e del mio sapere. Non so come ringraziarti…sei il mio mago e tutti dovrebbero ritrovare se stessi attraverso te, la tua professionalità e la tua luminosa anima! Grazie

    Pubblicato da Fede | marzo 12, 2013, 9:35 pm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

GIANLUCA MARIA REGIS

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: